_Un posto chiamato Quì

C'è solo una cosa più frustrante del non riuscire a trovare qualcuno, ed è non essere trovati. La cosa che vorrei di più è che qualcuno mi trovasse… [Un posto chiamato qui, Cecelia Ahern

Archivi per il mese di “dicembre, 2009”

Caffè con Panna!

"..Mio padre mi aveva spiegato che un lieto fine è solo il momento in cui decidi di interrompere il racconto della storia." (da "Caffè con panna")

Ma io ho bisogno del mio lieto fine…non so per quanto ancora riuscirò ad aspettare

vedo voi che insieme sembrate riuscire a sconfiggere ogni cosa,ogni brutto momento,ogni ostacolo..
..e
vorrei riuscirci anch’io…ma non ci riesco..perché,ogni volta,quando
diventa buio e tutti tornano verso casa,quel buco che ho dentro si fa
sentire e non c’è niente per riempirlo…
..rimango
"sola" con i miei dubbi e le mie paure….e con la speranza che un
giorno arrivi qualcuno capace di riempire questo buco…

Buon Natale*

Sereno Natale per chi passa da quì!!

E se l’amore non è tutte queste cose, allora cos’altro è?

“Scritto sul corpo c’è un codice segreto, visibile solo in
certe condizioni di luce; quello che si è accumulato nel corso della vita si
ritrova lì. In certe parti il palinsesto è inciso con forza tale che le lettere
si possono sentire al tatto, come fosse stato scritto in braille
. Preferisco
tenere il mio corpo ripiegato, al riparo da occhi indiscreti. Mai aprirsi
troppo, svelare tutta la storia
. Non sapevo che Louise avesse mani capaci di
leggere
. Mi aveva tradotto nel suo libro personale.”

 

“Perché è la perdita la misura
dell’amore?”

"Stavi attenta a non dire le parole che presto sarebbero diventate il nostro altare privato. Io
le avevo già dette molte altre volte, lasciandole cadere come monete
nel pozzo dei desideri, sperando che si avverassero. Le avevo giù dette
molte volte, ma non a te. Le avevo offerte come dei nontiscordardimè a
ragazze che avrebbero fatto meglio a starci attente. Le avevo usate
come proiettili e merce di scambio
. Non mi ritengo una persona
insincera, ma se dico che ti amo e non lo intendo, cos’altro sono? Ti
vorrò bene, ti adorerò, ti cederò il passo, migliorerò per te, dovunque
guarderò vedrò solo te? Ti dirò la verità? E se l’amore non è tutte
queste cose, allora cos’altro è?"


Scritto sul corpo – J.Winterson

Oppure sei anche tu “la maratoneta

"Da qualche parte dentro di te ce l’hai anche tu una
cosa che vuoi fare, che vuoi esprimere
. Non lo sai solo perchè non ci
hai mai pensato veramente. Può anche darsi che tu non abbia un talento,
ma sicuramente avrai delle capacità, magari semplicemente in passato
non hai trovato persone che ti abbiano aiutato a crederci. Oppure sei
anche tu "la maratoneta
"

"Cioè?"

"Fai conto di essere una maratoneta. Stai correndo con
i tuoi amici e le tue amiche. A un certo punto capisci di avere una
buona gamba, un bel passo, di poter andare più veloce
, e allora decidi
di seguire questa tua forza. Di convertirti al tuo talento. Dopo un po’
che corri, ti accorgi di aver staccato il gruppo. Ti giri e ti scopri
sola. Loro sono indietro, tutti insieme che ridono, e tu sei sola con
te stessa
. Siccome non riesci a reggere questa solitudine, rallenti
finchè il gruppo ti raggiunge e, negando il tuo talento, fingi di essere
come loro. Rimani nel gruppo. Ma tu non sei cosi, tu non sei come loro.
Infatti anche lì in mezzo ti senti comunque sola
"

 

La mia sensazione continua….voi ci rimarreste da soli per seguire voi stessi,e le vostre idee e le vostre aspirazioni?
mmm..mi sa di no!
Un posto nel mondo – Fabio Volo

Prossima materia <3

"Ci sono due tipi di cure che si possono fornire ai bambini: uno riguarda il mangiare e cose di questo genere; quanto all’altro, i genitori capiscono cosa significa quando si parla loro di come "è stato tenuto" il bambino: " Questo bambino non è stato tenuto bene,è stato lasciato andare". Se diciamo così, intendiamo che  letteralmente la terra si è aperta sotto di lui e che non c’era alcuna sicurezza da nessuna parte, una specie di caduta infinita che può riapparire in ogni momento e che più tardi potrà manifestarsi nei suoi incubi e nei suoi disegni.
Chi adotta un bambino così non deve soltanto prendersi cura di lui,ma esagerare tutto ciò che riguarda la cura del bambino in modo che questi si senta "TENUTO" SALDAMENTE "

Così afferma Donald W. Winnicott, nel suo libro "Bambini" ..
è la prossima materia che dovrò cominciare a studiare…
il titolo è "Voglio una mamma e un papà"

ps. si nota che io adoro i bambini *-*

EVVAI!!!!


 Contenta!
Ho preso 30!!
in Diritto Pubblico e Legislazione Scolastica!!

-6

Quando si parla di Filosofia spicciola….

*I maschi sono così fortunati a fidanzarsi con le femmine. Noi
siamo così sfortunati a doverci fidanzare con loro.
Vorrei essere maschio per
fidanzarmi con me stessa
*

[Sister Devy – 17 Giugno 2009]

Da ZERO*

Così per caso, ritrovarsi a partire da zero

numerare i tuoi giorni da zero


costruire i tuoi sogni da zero


e baciare un estraneo da zero


e imparare ad amarlo e ad amare davvero


e sentirsi bruciare dentro di nuovo


e conoscersi ancora da zero..


Ricominciare è un folle paradiso

[Ricominciare è un folle paradiso]


Attenti…oggi ho le paturnie.

Holly: Io vado pazza per Tiffany,specie in quei giorni in cui mi prendono le paturnie.

Paul: Vuoi dire quando è triste?

Holly: No…Uno è triste perché si accorge che sta ingrassando,o perché piove.

Ma è diverso.No,le paturnie sono orribili,è come un’improvvisa paura di non si sa che.

– da Colazione da Tiffany –

Che destino crudele.Bleffa e non mi so difendere…

"….è troppo grande la città
per due che come noi
non sperano però si stan cercando…."

-Sottofondo : Mina …E penso a te!


E lo sai a cosa sto pensando??
Che sono triste e malinconica…
e ansiosa perchè tutto intorno gira forte e veloce e io sono ferma in questo vortice..
…e che a tutte quelle cose che mi sto perdendo….perchè non accadono!!
Ho fretta forse di viverle?
e mi dico che se ho tutta questa fretta non è un bene,perchè solletico e
sfido il destino: più lo voglio più non me li da i miei sogni.
Che destino crudele.Bleffa e non mi so difendere…

Navigazione articolo